sabato 25 giugno 2011

sabato 4 giugno 2011

Domani ... la Maratona della Valle Intrasca

A vent'anni dall'ultima volta, domani correrò, in coppia con Gianluca, la mia terza Maratona della Valle Intrasca.
Le due precedenti edizioni cui ho preso parte si svolgevano salendo da Intragna e scendendo da Miazzina. Si partiva inoltre dallo stadio e non da piazza Ranzoni, quindi erano un poco più corte.
Poche le speranze di far meglio di allora, vuoi per i metri in più, vuoi per gli anni (soprattutto).
Anche il meteo non è dei migliori :)


Ma come si dice?

NON ESISTONO CONDIZIONI METEO SFAVOREVOLI, ... 
ESISTONO UOMINI ARRENDEVOLI 
(Aldo Rock)

Ecco, questo sarà il motto per la giornata di domani!!

Nelle ultime settimane non ho corso molto, ma all'appuntamento arrivo carico.
Anche la prova sul percorso Cambiasca-Miazzina-Pian Cavallone-Intragna-Miazzina effettuata con Gianluca 3 settimane fa è stata positiva.

forse l'immagine non rende...ma i primi 10Km sono al 12% medio :) 
Almeno sappiamo a cosa si va incontro. Sappiamo quanto è dura la salita, ma che anche la discesa non è da meno, con tutti gli scalini che ci aspettano ad Intragna (i quadricipiti hanno ululato per due giorni!).

a domani!!

sabato 14 maggio 2011

Allenamenti delle ultime due settimane

Dal 3 al 6, quattro uscite consecutive in compagnia di Elena, due lenti, una di variazioni (8x1' rec 1' - media  3'55 - invero con i recuperi molto lenti) e una provando un giro da 1Km collinare che si potrà sfruttare per i cambi di ritmo in salita.

Domenica 8, si torna a Santa Cristina, questa volta per 11,5Km del circuito Gamba d'Oro, dove, insieme ai tanti amici rivisti ho conosciuto finalmente Oliver (in bocca al lupo per domani!)
Corsa dura (anche per il caldo), con un buon finale in progressione (grazie a un ragazzo che mi ha affiancato ai 5-600 metri con conseguente "garino".

Ultima settimana dedicata a terminare i lavori nel nuovo orto (setacciando terra tutte le mattine e lavorando pomeriggi e sere - quando non crollavo sul divano), con conseguente poca voglia (e forze) di correre.
Almeno fino a questa mattina, quando alle 7.30 Mika ed io siamo usciti per 16Km abbondanti (D+500) con salita al Barro e ritorno via Cascine di Ameno.


Poi, nel pomeriggio, visto che la caviglia sta bene e che le Salomon da trail sono quasi "terminate", mi sono fatto un regalo (ho provato altri modelli, ma le XA PRO 3D ULTRA (2) sono la mia scarpa)


E domani, tempo permettendo, si va a provare un tratto della Valle Intrasca :)

martedì 3 maggio 2011

Di nuovo venti

Sabato sono tornato a fare 20Km in compagnia di Mika sulle colline di Invorio.
Tempo non troppo buono, con qualche goccia di pioggia durante l'uscita, ma almeno niente caldo, anzi!

- Che giro fai?- mi chiede Elena mentre sto uscendo.
- Mah, pensavo di andare a Mornerona, poi verso Bolzano (Novarese, non quello in Alto Adige) e poi lungo l'Agogna. Salirò poi alle cascine di Ameno e di lì in Barro.

Poi però ho inventato un poco.
O meglio, fino al ponte dell'Agogna tutto come previsto.
Senza strafare, con il cuore sotto controllo e il fiato anche (finché ne ho per richiamare all'ordine Mika quando si allontana troppo, vuol dire che posso correre).
Poi al ponte c'è una stradina che costeggia l'Agogna sul lato opposto e con la speranza di poter arrivare ai piedi della salita del Barro da Invorio provo a seguirla.
Purtroppo niente da fare. Una sbarra e una serie di cartelli proprietà privata indicano la fine della strada.
Poco male, si torna indietro per qualche centinaio di metri e si prende la mulattiera (che sale, oh, come sale!?).
E' una new entry, non troppo rovinata, anche se in alcuni punti il fango è tanto e una paio di volte perdo il passo.
Ora fischiare a Mika è più difficile, ma una provvidenziale salamandra (con annessa sosta foto - peccato sia mossa, ma il bosco è scuro) mi permette di rifiatare.


Dopo 800 metri circa, la mulattiera sbuca a metà strada fra il Barro e le Cascine. I km sono ancora pochi e andare verso il Barro significherebbe poi tornare a casa. Non sia mai!?
Così puntiamo verso nord, raggiungiamo Cassano e da qui il Vago, non prima che Mika abbia scoperto come  truccarsi :(
Sarà anche l'istinto del cane da caccia...ma poi tocca passarla in lavatrice !!


Dalla cappella del Vago (km 13,5 - 1h30 circa) si scende.
Il sentiero (VE6) fino a S.Lucia non è bellissimo. Rovinato in più punti dalle moto e dai fuoristrada, è molto sconnesso e le foglie bagnate richiedono prudenza.
Ora devo fermarmi ripetutamente a richiamare Mika all'ordine quando parte sulle tracce dei caprioli (uno riesco persino a vederlo mentre fugge).
Da S. Lucia (km 17,5 - 1h58) si potrebbe risalire verso il Barro, ma per questa volta sarebbe troppo, così tiriamo dritto fino a casa (21km - 650D+ - 2h18).
La caviglia (fasciata per sicurezza) regge.
Molto bene!

venerdì 29 aprile 2011

Ricomincio da ... Boleto

50 giorni dopo l'infortunio (tanti!), lunedì scorso ho finalmente ripreso contatto con le "gare".
Nelle ultime due settimane ho, con Mika, fatto 4 uscite (due con Elena, una solo e una con Gianluca) di corsa (40Km) e l'Invorio-Gignese camminando con Elena (4h40 - bella, bellissima).

21Km e non in piano
A Boleto il giorno di Pasquetta era in programma l'ultimo mini-trail organizzato dal Circuito Running, ma il vero motivo di interesse non era la competizione in sé, quanto la voglia di rivedere tanti amici che mi sono mancati in queste settimane.

con l'ultraberica Stefy e il vicentino Fede

Questa volta riesco a organizzare l'uscita con Federico e, per prudenza, decido di lasciare Mika con Elena per una passeggiata tranquilla.
Bellissimo il percorso. Duro, ben segnato e con la discesa ben corribile.
In salita il discorso è diverso, ma il fiato verrà.

11Km per 600D+
Dopo un paio di Km su asfalto (non propriamente piani) si inizia a salire.
Federico dapprima mi stacca, poi quando si inizia a camminare lo raggiungo. Ogni tanto con la coda dell'occhio controllo che ci sia la sua maglia celeste, finché a un certo punto:
- Tutto bene, Fede?
...
- Ohi, ci sei?
...
Non avendo ricevuto risposta, mi volto e ... dann ... la maglia celeste non era la sua :(
Poco male. Lo aspetto e saliamo insieme.
Quando si scollina proviamo a correre un po', per sciogliere, poi si inizia a scendere rapidamente (attenzione!!).
Ma il sentiero è bello, asciutto, non scivoloso. Insomma la situazione ideale.
- Quanto mancherà?
- Dai, siamo ben oltre la metà
...
- un paio di Km ancora...attenzione ai sassi sotto le foglie (?!)
...
- lo senti lo speaker, siamo arrivati, forza!!!
Così anche questa è fatta.
Siamo arrivati senza troppi problemi/patemi e, soprattutto, divertendoci.

che avremo da ridere?
e ora, sotto con gli allenamenti, che il 5 giugno c'è la Valle Intrasca (e il socio va come un treno!)

p.s. martedì sono salito al Barro. I 18 minuti impiegati sono ancora lontani dal mio record...ma si comincia a ragionare :)

mercoledì 6 aprile 2011

Buone notizie

Ad un mese esatto dall'infortunio ho avuto l'autorizzazione a riprendere (dalla prossima domenica) a corricchiare.
Non vedo l'ora!!

venerdì 18 marzo 2011

Mah

Visita di controllo dall'ortopedico

Medico: Cosa ha combinato?
Io: Ho storto la caviglia mentre correvo.
M: Mi faccia vedere
...
M: Ma è ancora gonfia
I: !?!?
M: deve portare un tutore e le prescrivo un antidolorifico

Le lastre manco sono state guardate, fare un'eco non contemplato, salvo complicazioni non vuole rivedermi.

Mah!?

Lunedì vado dal medico a farmi prescrivere l'eco e poi andrò da un'altro.

p.s. l'edema in effetti deve essere ancora riassorbito e il dolore (sopportabile) si è spostato verso la punta del piede